Telefono bagnato

Il mio cellulare è caduto in acqua, cosa devo fare?

Hai mai lasciato cadere sbadatamente il cellulare nel lavandino o peggio ancora lo hai dimenticato in tasca ed è finito in lavatrice? I tuoi amici ti hanno buttato in piscina solo per divertimento? Sebbene i produttori abbiano perfezionato la resistenza dei telefonini all’acqua, nessuno è al sicuro da questo tipo di incidente. Scopri cosa fare in questi casi e come salvare un cellulare bagnato.

Suggerimenti per salvare il tuo cellulare se cade in acqua

1-Appena puoi, prendi il telefono e tiralo fuori dall’acqua. Attraverso i piccoli fori del telefono il passaggio dell’acqua avviene in breve tempo, forse in soli 20 secondi. Se è ancora acceso, spegnilo immediatamente e se è già spento, non accenderlo, perché potresti causare un cortocircuito. Tieni presente che è necessario asciugarlo immediatamente, indipendentemente dal fatto che funzioni o meno. Evita di scuotere o spostare il telefono eccessivamente, affinchè l’acqua non circoli all’interno!.

2-Non collegarlo in nessun caso alla corrente e rimuovi la batteria. Si consiglia inoltre di rimuovere la memory card, e la SIM card.

3- Non usare l’asciugacapelli con l’aria calda e non esporre il dispositivo al sole, poiché il calore potrebbe danneggiare ulteriormente i componenti dello smartphone. Asciuga la parte esterna usando un panno assorbente e lascialo per un po’ all’ombra.

4- Il riso è il tuo più grande alleato!
Ebbene sì, per assorbire l’umidità dei circuiti interni, sistemate il telefonino in un recipiente o una busta e ricopritelo con del riso (ovviamente crudo) e lasciate riposare per almeno due giorni. Il riso assorbirà l’umidità residua. In alternativa al riso potete utilizzare anche del Gel silice essiccante e deumidificante in grado di assorbire l’umidità.

5- Nel caso in cui il tuo smartphone sia caduto in mare in acqua salata, la cosa ideale è separare i componenti e usare un pennello con alcool isopropilico per evitare la corrosione del sale e quindi metterlo in riso o gel di silice.

6- Metti alla prova il tuo telefono. Dopo aver atteso almeno 24 ore (o più se possibile) dai un’occhiata e controlla che l’interno e l’esterno del telefono siano puliti e asciutti. Inserisci la batteria del telefono e prova ad accenderlo. Se non dovesse funzionare, collega il carica batterie è probabile che nel frattempo la batteria si sia scaricata o danneggiata.

7-Se il telefono è acceso, ma si comporta ancora in modo strano dopo l’asciugatura, è probabile che tu abbia lasciato del liquido all’interno o che la corrosione sia già iniziata. La pulizia con uno spazzolino da denti può risolvere questo problema rapidamente. Trova istruzioni su YouTube su come eseguire correttamente questo processo.

Infine, se desideri riparare il tuo telefono/IPhone ancora in garanzia, con l’aiuto del servizio tecnico, devi sapere che tutti i telefoni cellulari hanno un adesivo che cambia colore quando si bagna. Qualsiasi centro di assistenza guarderà questo dettaglio, quindi conviene essere onesti sin da subito.

N.B Questi consigli possono essere utilizzati anche in caso di una fotocamera digitale, videocamera, tablet o orologi che sono stati a lungo sotto la pioggia.

Fine articolo: Il mio cellulare è caduto in acqua, cosa devo fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *